Castello di Brunico

Il castello come simbolo della città di Brunico

Il vescovo di Bressanone Bruno von Kirchberg fece costruire questo castello fortificato intorno al 1250 per proteggere al meglio i possessi vescovili della Val Pusteria.
Ai piedi della collina rocciosa del castello costruì anche un mercato, che era collegato al castello da una cinta muraria. Bruno ha dato il nome al castello e al mercato, che presto fiorirono in una città, dopo i suoi nomi "Brauneck", "Brauneggen", "Bruneke" e "Praunnekk". Nel corso del XIX secolo, il nome Brunico (Bruneck in tedesco) deriva infatti dall'ex vescovo.
Da allora il castello stesso fu sede del "capitano del castello" vescovile e residenza estiva vescovile, che nel corso dei secoli subì numerosi ampliamenti e modifiche.
Con la secolarizzazione (1) dei territori ecclesiastici nel 1803, tuttavia, cadde in costante decadimento, che fu interrotto solo da vasti lavori di restauro alla fine del XIX secolo.
Sebbene nel 1825 il castello di Brunico sia di nuovo di proprietà della chiesa, fu temporaneamente utilizzato come caserma, prigione di corte, scuola e sede di vari eventi culturali. Inoltre, all'inizio del novecento sono stati affittati appartamenti a turisti benestanti.
Con l'acquisto del castello nel 2004, la Sparkassenstiftung dell'Alto Adige ha lasciato il castello alla città di Brunico per 30 anni.
Il castello di Brunico è stato aperto al pubblico nel 2011. Oggi ospita il Messner Mountain Museum Ripa.

Dettagli

Il restauro alla fine del XIX secolo è stato finanziato dalla vendita del lago di Antholz, che fino ad allora era stato anche di proprietà episcopale.
Nel pittoresco cortile si trovano numerosi stemmi di ex vescovi e canonici.
Il movimento del 'flower power' ha affascinato anche molti studenti di Brunico: Nell'estate del 1970 il movimento studentesco locale organizzò il primo "Schlossberg Open-Air". All'epoca, circa un migliaio di appassionati di musica si riunivano sul prato sotto il castello per festeggiare una "piccola Woodstock" al suono di gruppi musicali altoatesini. Tuttavia, questo evento ha avuto lo scopo di attirare molti critici: alcuni residenti minacciavano di coprire il prato con letame, mentre altri lamentavano la perdita di valori e l'abbandono dei giovani.

 

(1) Il concetto di secolarizzazione è l'espropriazione della proprietà ecclesiastica da parte dello Stato e la trasformazione dei domini spirituali in domini secolari; lo scopo di questa misura era quello di separare la Chiesa da tutte le preoccupazioni mondane.

Meteo

Please wait ...

Valori Attuali

Please wait ...

Alto Adige

Brunico

Sehenswürdigkeit

Cultura

Castello